Profilo
Profilo
Foto
Video
Mappa
Commenti
Inserzione correlati
  • Visit Finland
    www.visitfinland.com/it

    L’Aurora Boreale (come quella Australe che è visibile nell’altro emisfero), è un fenomeno ottico caratterizzato principalmente da bande luminose di colore rosso-verde-azzurro detti archi aurorali.
    Le aurore possono però manifestarsi con un’ampia gamma di forme e colori, che mutano rapidamente nel tempo e nello spazio. Non si tratta di un’alba come il nome potrebbe fare pensare, bensi’ di bagliori e rilessi visibili nei cieli del Nord nelle notti chiare e limpide. I finlandesi li chiamano Revontulet “i fuochi delle volpi”, definizione che deriva da una leggenda lappone secondo la quale il magico effetto di luce sarebbe creato dalle scie di cristalli che le volpi sollevano correndo e sbattendo la coda sulla neve.
    A Luosto, a circa 90 km da Rovaniemi, uno dei luoghi dove praticare numerose attività sportive quali lo snowboard, le uscite con le sleddog, la pesca nel ghiaccio e le escursioni in motoslitta, ma anche la visita ai parchi delle renne, l’aurora boreale costituisce una delle maggiori attrazioni : è possibile scorgerla nel cielo durante una passeggiata attraverso gli orizzonti innevati. A Luosto si può ammirare questo fenomeno almeno 200 giorni l’anno e soggiornando tre giorni in questa località si avranno grandi possibilità di assistere all’evento almeno una volta!

    Riti e tradizioni del Capodanno Finlandese
    I festeggiamenti per l’anno nuovo hanno qualcosa di magico. Il Sindaco tiene il suo discorso nella piazza centrale di ogni città come in ogni villaggio, ma l’usanza più antica è la previsione del futuro. Si prepara un secchio di acqua fredda accanto al fuoco, si prende una pezzo di stagno e lo si adagia su un mestolino. Dopo aver sciolto completamente il metallo, si rovescia velocemente tutto nell’acqua fredda. A seconda della forma che lo stagno assume, e delle ombre che lo stesso proietta, si potrà interpretare ciò che il futuro ci riserva.
    La posizione geografica della Finlandia tra Occidente e Oriente, ha influenzato molto la cucina. Per fare conoscenza con la tradizione genuina è consigliabile affidarsi ai finlandesi stessi: la selvaggina e la cacciagione, le zuppe, il pesce e i dolci rappresentano il meglio della gastronomia locale. Tradizionalmente per lafesta il pasto è presentato su un grande tavolo dove ci si serve a buffet. Si inizia con i piatti freddi: una grande varietà di selvaggina, pesce ed insalate. Seguono i piatti caldi: carne, pesce, verdure cotte e sformati. Dopo i formaggi e i dolci, vengono serviti anche caffè e pasticcini.

    Babbo Natale
    Com’è noto, Babbo Natale abita in Finlandia, nel suo villaggio al Circolo Polare Artico, a 8 km da Rovaniemi. Riceve nella sua casa tutti i giorni dell’anno e ha un proprio ufficio postale da dove spedisce le lettere di risposta ai bambini del mondo.
    A due km dal villaggio di Babbo Natale sorge il Santapark, un parco di divertimento a tema natalizio e un parco delle renne.

    L’indirizzo di Babbo Natale è:
    Babbo Natale
    Circolo Polare Artico, FIN-96930 Napapiiri, Finlandia

    Hotel di ghiaccio
    Se cercate un hotel di ghiaccio per festeggiare il Capodanno al Nord, ma l’ice hotel Jukkasjarvi vi sembra un pò visto, potete provare lo Snow Village, anche lui in terra di Finlandia. L’albergo di neve è vicino alle stazioni sciistiche di Ylläs e Levi, a circa 150 kilometri da Rovaniemi, dove ha la casa Babbo Natale: ma non dovete per forza muovervi una volta giunti a destinazione, perchè lo Snow Village è un villaggio turistico alla maniera di Lapponia e ci potete trovare tutti gli svaghi che ci si aspettano da una vacanza del genere.

    Il Rito della Sauna Finlandese
    Non c’è modo migliore per calarsi nella realtà finlandese che concedersi una bella sauna, un rito amato da tutti, giovani e anziani, con e procedure stabilite da secoli. Un’ora e mezzo di bagno e calore a 85 gradi solitamente nel tardo pomeriggio, per sentirsi puliti, rilassati e di conseguenza più sani e più belli. La fase successiva, riservata ai più temerari, ma da cui si possono trarre enormi benefici, prevede un bel tuffo in acqua gelida o direttamente nella neve.

    La cucina
    La posizione geografica della Finlandia, tra occidente e oriente, ha naturalmente influenzato le sue abitudini culinarie. La Russia in particolare vi ha lasciato le sue tracce: ancora oggi abbiamo in Finlandia un certo numero di eccellenti ristoranti russi. Per il resto i menu tendono ad essere piuttosto internazionali: per fare la conoscenza della genuina cucina finlandese conviene affidarsi ai consigli del cameriere. In linea generale i piatti di carne, a meno che non si tratti di selvaggina o di renna, ricordano la tradizione francese. Le zuppe, il pesce e i dessert rappresentano invece la tipica cucina finlandese.
    Tradizionalmente, per la festa, il pasto è presentato su un buffet, un grande tavolo (seisova pöytä o pitopöytä) da cui l’ospite può servirsi liberamente. Si inizia con piatti freddi: una grande varietà di carne, pesce e di insalate. Seguono i piatti caldi: carne, pesce, verdure cotte, sformati vari. Dopo i formaggi e il dessert si prende anche il caffè con pasticcini. Queste tradizioni sono ancora vive particolarmente in campagna.

    Pesce. Il pesce (kala) è abbondante in ogni stagione dell’anno. Vale la pena di assaggiare luccio (hauki), trota (taimen o forelli), persico (ahven), coregone (siika), luccioperca (kuha), trota salmonata (kirjolohi), salmone (lohi), aringa del Baltico (silakka, più piccola dell’aringa del Mare del Nord che viene chiamata silli) ed un piccolissimo pesciolino di lago della famiglia dei coregoni, muikku. I gamberi di acqua dolce (rapu) si possono trovare a partire dal 21 luglio, per ca. un mese. Il pesco viene preparato in diversi modi: bollito, nelle zuppe, al forno, affumicato, crudo sotto sale (in particolare il salmone, che è una specialità), fritto, alla brace ecc. Assolutamente da provare sono le uova di pesce.

    Carne. Ottima la carne bovina (naudanliha), altrettanto buona e molto utilizzata dai finlandesi la carne suina (sianliha). La carne di renna (poronliha o poro), la specialità lappone, è molto prelibata. Viene servita affumicata, in stufato, in filetti al forno. La selvaggina (riista) è abbondante in autunno.

    Verdure e ortaggi. D’inverno le verdure sono importate oppure prodotte in serra. Con l’estate avanzata arrivano sui mercati i prodotti nazionali, tutti cresciuti con tanta luce (in estate il sole non tramonta) e quindi gustosissimi e pieni d’aroma. Le patate novelle, i piselli, i pomodori, tanto per nominarne alcuni. L’autunno è la stagione dei funghi (sieni), i boschi pullulano di funghi porcini (specialmente nella Finlandia orientale), di galletti detti anche finferli, lattari e moltissime altre specie. Vale la pena di nominarne anche uno primaverile: korvasieni, simile alla spugnola, squisitissimo in crema o in salsa per accompagnare la carne.

    Frutta. Non mancano i frutti familiari agli italiani, né quelli esotici, quasi tutti d’importazione però. In Finlandia crescono degli ottimi frutti di minori dimensioni, cosiddetti di bosco: mirtillo rosso (puolukka), mirtillo nero (mustikka), lampone (vadelma), mora artica (lakka o suomuurain, gialla con nocciolini piccoli, pregiatissima per i finlandesi, cresce in Lapponia), fragola di bosco (metsämansikka); anche la fragola coltivata (mansikka) ha un ottimo sapore. Il ribes rosso, nero e bianco (viinimarja), l’uva spina (karviainen), la mela (omena), piccola ma buona, sono, come gli altri frutti elencati, ovviamente prodotti dell’estate. Il lungo inverno ha comunque insegnato ai finlandesi l’arte della conservazione della frutta in forma di confetture, marmellate, succhi e surgelati.

    Formaggi e latticini. Le mucche finlandesi producono un ottimo latte (maito). Il latte acido (piimä) è equilibrante per lo stomaco. Yogurt (jugurtti) e viili (non esiste il nome in italiano) vanno bene per la prima colazione o per la merenda. I formaggi (juusto) finlandesi meriterebbero un capitolo a parte: tante sono le varietà di formaggi prodotti con il latte bovino, dai formaggi stagionati a quelli freschi. Munajuusto è uno speciale formaggio all’uovo, kutunjuusto è il formaggio di capra. Leipäjuusto è una specialità lappone a forma di piadina.

    Pane e pasticceria. Esistono moltissime varietà di pane (leipä): di segale, di frumento, di avena, di orzo, di cereali misti, integrale, crackers; c’è l’imbarazzo della scelta. Di preferenza va spalmato dell’ottimo burro (voi) salato finlandese. Le paste salate, consumate per la prima colazione o per uno spuntino, specialmente quelle di origine careliana, sono assolutamente da provare. Le karjalanpiirakka sono delle barchette di farina di segale riempite di un composto di riso o di patate su cui si spalma una manteca di burro e uova. I lihapasteija sono dei piccoli “calzoni” riempiti di carne, riso, cipolla e uova. Le torte, le brioche, i pasticcini, i biscotti sono particolarmente buoni.

    Bevande. I finlandesi sono notoriamente in testa alle classifiche per il consumo di latte (maito) e caffè (kahvi). Il latte viene tradizionalmente consumato anche a tavola, specialmente dai bambini. Il caffè finlandese è più diluito di quello italiano ed è anche tostato diversamente. Il vino (viini) è tutto d’importazione (tranne le qualità nazionali prodotte da ribes ed altri frutti) e quindi abbastanza costoso; non viene venduto nei negozi alimentari ma solo nei negozi specializzati (Alko). La birra (olut) finlandese è ottima, esiste in tre gradazioni: I senza alcool, III media e IV forte. L’acqua minerale (mineraalivesi) è sempre gassata, l’alternativa senza gas è semplicemente l’acqua di rubinetto, solitamente servita con cubetti di ghiaccio (jäävesi). Dei superalcoolici tutti forse conosceranno la vodka finlandese. Ma anche i liquori a base di frutti di bosco sono gradevoli al palato.

    Capodanno Sami
    La penisola di Säikkärrniemi è un piccolo angolo di paradiso che si è formato durante l’Era Glaciale, da sempre punto di ritrovo per gli incontri e i festeggiamenti del popolo Sami. Gli husky, le renne, le motoslitte, saranno i mezzi di trasporto per osservare la natura incontaminata di questo ambiente più ricco di flora e di fauna di quanto le temperature possano far pensare, che mantiene il fascino delle distese innevate, delle foreste candide e di una comunione tra uomo e natura veramente speciale.

  • Nessuna voce trovata

    Spiacenti, non abbiamo trovato alcuna voce. Modifica i criteri di ricerca e riprova.

    Mappa Google non caricata

    Spiacente, impossibile caricare le API delle mappe Google.