Profilo
Profilo
Foto
Video
Mappa
Commenti
Inserzione correlati
  • Ente Nazionale per il Turismo Britannico

    Gli auguri e il “cin” in inglese
    Cin cin “Cheers”
    Buon anno “Happy New Year “

    In Inghilterra la folla si raccoglie a Trafalgar Square, Piccadilly Circus e intorno al Big Ben per sentire annunciare l’arrivo del nuovo anno. Le persone si tengono per mano e cantano l’”Auld Lang Syne”. In Inghilterra è tradizione che colui che per primo entra in casa nell’anno nuovo porti fortuna. Il cosiddetto first-footer (letteralmente colui che muove il primo passo) deve essere maschio, giovane e di bell’aspetto. Deve avere i capelli neri e trasportare un piccolo pezzo di carbone, soldi, pane e sale, simboli di prosperità.

    Ecco alcuni giochi tradizionali del Capodanno
    – pescare con le dita frutta secca che galleggia in un contenitore pieno di liquore caldo ;
    – saltare all’interno di un cerchio formato da tredici candele disposte sul pavimento senza spegnerne nemmeno una ;
    – mangiare una mela infilata in un bastoncino sospeso ad un filo senza spegnere la candela infilata sull’altra estremità.
    Una piccola curiosità: ad Oxford i docenti ricevono in dono dagli studenti un ago con infilato un filo di seta, nero per i medici e teologi, rosso per gli avvocati, blu per letterati ed artisti.

    Scozia
    Il capodanno scozzese è conosciuto come “Hogmanay”. Lo scozzese si prepara per il nuovo anno pulendo la propria casa, vestigia di antichi rituali di purificazione. Anticamente la pulizia veniva svolta con dei rami di ginepro ai quali venivano attribuiti poteri disinfestanti.
    I cibi tradizionali del Capodanno sono l’Haggis (carne cotta nelle interiora di pecora), i biscotti Shortbread (tradizionali biscotti al burro), gli scones, le torte alla farina d’avena, il formaggio, il whisky e il vino. Alla vigilia si espongono in casa le cose più belle che si hanno come porcellane e tovaglie di lino. Poi a mezzanotte tutti i componenti della famiglia aspettano l’ingresso del cosiddetto first-footer (letteralmente la prima persona che entra), destinata a portare fortuna alla casa. Affinché la fortuna accompagni il nuovo entrante, costui deve essere un uomo bruno e giovane, che deve entrare in silenzio, deponendo sulla tavola i simboli della prosperità (il pane,un ramoscello di vischio,un pezzetto di carbone) e poi andarsene senza salutare.
    Anticamente si usava cacciare via gli spiriti maligni mandando via di casa un cane o un gatto.
    Prima del Capodanno, le persone si tengono per mano e intonano l’antica canzone Auld Lang Syne.

    La canzone
    Should auld acquaintance be forgot,
    And never brought to mind?
    Should auld acquaintance be forgot,
    And auld lang syne?

    Coro:
    For auld lang syne, my dear,
    For auld lang syne,
    Wèll tak a cup of kindness yet,
    For auld lang syne!

    And surely yèll be your pint-stowp,
    And surely I’ll be mine,
    And wèll tak a cup o kindness yet,
    For auld lang syne!

    We twa hae run about the braes,
    And poùd the gowans fine,
    But wève wander’d monie a weary fit,
    Sin auld lang syne.

    We twa hae paidl’d in the burn
    Frae morning sun till dine,
    But seas between us braid hae roar’d
    Sin auld lang syne.

    And therès a hand my trusty fiere,
    And giès a hand o thine,
    And wèll tak a right guid-willie waught,
    For auld lang syne

    Galles
    Nel Galles i ragazzi girano fino alle 3 o alle 4 della mattina del nuovo anno. Vanno di casa in casa e con un ramoscello sempreverde spruzzano lievemente le persone e in ogni stanza della loro casa per portare fortuna.

  • Nessuna voce trovata

    Spiacenti, non abbiamo trovato alcuna voce. Modifica i criteri di ricerca e riprova.

    Mappa Google non caricata

    Spiacente, impossibile caricare le API delle mappe Google.